Pensi troppo? Chiediti se ti è utile


Tanzan and Ekido stavano viaggiando insieme lungo una strada fangosa, sotto la pioggia. Girato un angolo, videro una bella ragazza vestita con un kimono di seta, che non riusciva ad attraversare la strada diventata un’enorme pozzanghera.

“Forza, ragazza”, disse Tanzan senza battere ciglio. La prese tra le braccia e le fece oltrepassare la pozzanghera.

Ekido non disse niente, finché quella sera non raggiunsero un tempio. A quel punto non si potè più trattenere. “Noi monaci non ci avviciniamo alle donne”, disse a Tanzan, “specialmente non a quelle giovani e belle. È pericoloso. Perché l’hai fatto?”

“Io quella ragazza l’ho lasciata lì”, disse Tanzan “Tu te la stai ancora portando dietro?”[wikipedia – in inglese]

Questo è un koan famoso (noi lo chiameremmo parabola). Il signor Tanzan doveva essere un tipo simpatico, un po’ ribelle ma anche tanto intelligente.

Magari anche a te capita di tornare più e più volte su un pensiero, di solito è qualcosa accaduto nel passato anche molto recente, ti ci arrotoli sopra, lo mastichi e lo rimastichi e poi ancora.
Si chiama rimuginare, e ricorda un po’ il metodo di digestione delle mucche (che fa un po’ schifo da descrivere e quindi ti metto il link a wikipedia ma insomma, loro hanno più stomaci, e hanno bisogno di masticare tanto).

Lo stesso pensiero che resta nella tua testa non cambierà il presente, né il futuro né tanto meno il passato.

Lei rumina, lei può

Rimuginare non serve a molto, non so se te ne sei resa conto. Puoi lasciare che lo stesso pensiero stia nella tua testa e si arricchisca di perché e di come mai, e di avrei dovuto, ma non cambierà la situazione presente, né quella futura, e mai che mai quella passata, come ci dice Tanzan lì sopra.

Come fare a smettere di rimuginare?

Non è qui che troverai ricette pronte, sarebbe troppo facile e comunque non funzionerebbe, mi spiace. Ti do però un’idea da cui partire.

Quando ti accorgi che stai pensando e ripensando alla stessa cosa fermati un momento e chiediti se quello che stai facendo ti è utile.

Se non lo è, il primo passo è già fatto: hai capito che non ti serve.

Non è detto che solo rendertene conto sia sufficiente, ma vedrai che già almeno per un po’ non ci penserai. È molto probabile che dopo qualche tempo tu ti ritrovi di nuovo lì a pensarci: riparti da capo, senza stancarti, senza innervosirti. Consideralo un allenamento.

Sii gentile con i tuoi pensieri, quando si presentano pensa che arrabbiarti per questo non ti serve per smettere di rimuginare, così come non ti servono i pensieri del passato: piuttosto sorridi a te stessa, pensa che sei stata brava a rendertene conto, e con pazienza riparti da capo: mi serve? se non mi serve lo lascio andare.

Per evitare che il meccanismo si rimetta di nuovo a funzionare nello stesso modo immediatamente puoi fare qualcosa di pratico, ma non meccanico. Funziona molto bene il self shiatsu (prova la sequenza di stretching dei meridiani, o qualche altra sequenza che puoi trovare sul mio canale youtube), fai una visualizzazione guidata, o balla su una musica che ti piace tanto.

Il fatto è che pensare è il lavoro della nostra mente, lo fa e lo sa fare molto bene. Non si sa ancora esattamente come funzioni, quindi lascia che ci pensi (ehm) chi la studia, che tu hai altro da fare.

Questa tecnica non ti risolve il motivo per cui stai rimuginando, chiaramente, però ti aiuta a lasciar andare pensieri che non sono funzionali, che ti tengono nel passato e non ti permettono di sentire la libertà di gustarti il presente.

Se vuoi approfondire la questione puoi scrivermi e ne parliamo: potrebbe esserti utile una serie di consulenze individuali, o anche dei trattamenti shiatsu, che ti aiutano a rilassare la mente, insieme al corpo.

Se il pensare troppo è nel lavoro…

Puoi anche valutare di iscriverti al corso online Lavorare con consapevolezza, che inizia il 30 ottobre e tra gli argomenti ha anche questo, insieme a molti altri che potrebbero interessarti. È un corso in video, mp3 e pdf, e in più comprende anche un gruppo google per confrontarti con gli altri corsisti e corsiste, tre webinar live e un colloquio di counselling con me!

Mi vuoi raccontare come va o chiedere informazioni?

Compila il modulo qui sotto, e ti risponderò al più presto!


Informazioni su Monja Da Riva

Sono Monja, e di mestiere ascolto ed insegno ad ascoltarsi. Chi lavora con me trova in sé le risorse e la serenità per affrontare qualsiasi momento della propria vita. Sono una counsellor iscritta al CNCP e un’operatrice shiatsu. Mi trovi a Cascina (Pisa) e online.