Cuore – non solo tisane


non-solo-tisane-cuore

Il biancospino. Foto di Black Hawthorn Flowers

Introduciamo in questo mese l’elemento Fuoco parlando di uno dei meridiani ad esso associati: il cuore. Il cuore può essere considerato come il motore del sistema circolatorio, quello che spinge il sangue in tutti i distretti del nostro corpo lavorando principalmente su due circuiti:

  • la Grande circolazione, che porta l’ossigeno e le sostanze nutritizie a tutte le cellule del corpo e ne raccoglie le sostanze di scarto tra cui l’anidride carbonica,
  • e la Piccola circolazione che invece convoglia il sangue nei polmoni dove si ha la cessione dell’anidride carbonica e la ricarica di ossigeno.

Questa funzione è svolta dal cuore tramite delle contrazioni ritmiche e spontanee che insorgono in un punto ben preciso del cuore, detto nodo di Keith e Flak dal quale poi si propagano a tutte le cellule cardiache in modo uniforme e perfettamente sincronizzato. La fase di contrazione è detta Sistole e spinge il sangue dal cuore al sistema circolatorio ed è sempre seguita da una fase di rilasciamento detta Diastole che invece raccoglie il sangue dal sistema circolatorio nel cuore. L’insieme di sistole e diastole costituisce il battito cardiaco.

Il cuore, forse proprio per questa importantissima funzione di portare la forza vitale ad ogni singola cellula del corpo, è da sempre considerato la sede delle emozioni, nella quale i sentimenti prendono forma, dove si sviluppa e si attiva l’amore, grande forza vitale, così come la gioia e l’allegria e questa sua azione è ingabbiata, bloccata, da tutte le situazioni che generano ansia. L’ansia e lo stress sono quindi due nemici giurati del cuore che gli impediscono di aprirsi ai sentimenti positivi e ne ostacolano il corretto funzionamento. Non è per niente un caso quindi che le principali piante ad azione benefica sul cuore abbiano tutte anche un’azione antiansia ed antistress. La regina di queste piante è il Biancospino (Crataegus oxyacantha L. ) che io chiamo proprio il nostro “Amico del cuore” *

Vi voglio proporre oggi due tisane, entrambe gradevoli e profumate, che potremmo sorseggiare durante la giornata ma che, avendo anche un’azione rilassante, sono perfette come tisane della sera.

Queste tisane devono essere utilizzate con cautela da chi soffre di pressione bassa, soprattutto d’estate, perché, come potrete leggere nel riquadro in basso, il biancospino e l’olivo hanno anche un’azione ipotensiva.

Nota: un altro toccasana per il cuore, che agisce sia regolando i livelli di colesterolo che migliorando la circolazione, prevenendo l’infarto e i rischi di flebiti, è l’aglio. Ovviamente vi sconsiglio le tisane all’aglio, soprattutto se avete una vita sociale… alcune ditte però ora fanno degli ottimi estratti secchi in capsule privi di odore e questa via di somministrazione è sicuramente più idonea!

Tisana ai Fiori d’arancio

  • Biancospino g40
  • foglie di olivo g20
  • Fiori d’arancio g20
  • Tiglio g20

Tisana alla Lavanda

  • Biancospino g40
  • Passiflora g25
  • Melissa g25
  • Lavanda g10

In entrambi i casi useremo un cucchiaio di tisana per tazza che lasceremo in infusione in acqua bollente per 5 minuti prima di filtrare e bere. Volendo si può dolcificare con del miele che esalterà anche il sapore della tisana col tiglio in quanto le infiorescenze del tiglio hanno un sapore molto mielato.

Anche in questo caso potremmo utilizzare dei mieli aromatizzati preparati come vi ho descritto nel post di gennaio. Per queste tisane vanno benissimo gli oli essenziali di arancio, limone e anche lavanda. Essendo quest’ultimo molto profumato, vi consiglio di utilizzarne davvero molto poco perché altrimenti coprirà ogni altro sapore. In genere quando uso l’olio di lavanda per aromatizzare le tisane (ottimo come rilassante serale) preparo la quantità di miele che mi servirà per tre o quattro volte mettendoci solo una goccia di olio di lavanda (in pratica uso un quarto di goccia per tazza) Ricordiamoci sempre che l’uso degli oli essenziali per via interna dev’essere fatto con moltissima cautela e che devono essere usati oli purissimi che riportino in etichetta la dicitura “per uso interno” o “integratore alimentare”
*Il Biancospino è un piccolo arbusto che raramente raggiunge le dimensioni di un alberello ed è chiamato così perché nei suoi rametti più giovani i fiori bianchi, raccolti in corimbi ovvero in piccoli gruppetti, sono alternati a delle spine. Sia i fiori che le foglie del biancospino agiscono sul cuore in due modi: regolando il battito e quindi calmando la tachicardia e migliorando il flusso coronarico che significa un maggior apporto di sangue arterioso carico di ossigeno ad ogni cellula del cuore migliorandone la performance. Hanno inoltre un’azione ipotensiva cioè abbassano la pressione sanguigna e di queso bisogna tener conto soprattutto d’estate, e un’azione rilassante, antiansia e calmante generale dell’organismo.


Informazioni su Maria Giovanna Careddu

Mi chiamo Maggi, diminutivo del troppo lungo Maria Giovanna, e sono titolare di una Parafarmacia ed Erboristeria a Pisa. Sono una Farmacista un po' anomala in quanto cerco di utilizzare e consigliare il farmaco classico della medicina allopatica solo se strettamente necessario, preferendo dei rimedi naturali, sia fitoterapici che omeopatici, sicuramente meno aggressivi, con meno effetti collaterali e quindi più rispettosi della sua totalità. Nella mia parafarmacia ho allestito un angolo tisane dove preparo infusi personalizzati non solo curativi ma anche per concedersi una piccola pausa piacevole. Inoltre soono appassionata di prodotti bio-ecologici creati e pensati non solo per il rispetto della nostra pelle, ma anche dell'ambiente che ci circonda. Mi piace ascoltare la gente, sono convinta che ogni malattia ed ogni problema siano legati in modo indissolubile alla persona che li manifesta. Per questo, prima di consigliare un rimedio o un prodotto, mi piace soffermarmi un po', indagare, per cercare di cogliere quel segno distintivo che trovo fondamentale per stabilire l'approccio più adatto da seguire