Di fate ed Emozioni


La storia di un corso per imparare a conoscere e ascoltare le proprie emozioni

Quando ero giovane (e anche Internet era giovane) avevo uno pseudonimo nemmeno troppo originale. Ero Trilly, la fatina di Peter Pan. (Tralasciamo la parte in cui non era troppo originale nemmeno lo pseudonimo Peter Pan).

Ero Trilly perché mi aveva molto colpito una sua presentazione. Cito a memoria:

Trilly, come tutte le fate, aveva un cuore così piccolo che non le permetteva di contenere più di un’emozione alla volta.

Io ero così: il mio mondo era bianco e nero, odio e amore. Sentimenti forti e totalizzanti. Tutto o niente.

Crescendo e lavorando su me stessa ho capito che questa dicotomia non faceva per me. Allenandomi all’ascolto ho imparato a riconoscere le emozioni, dare loro lo spazio che ritengo sia giusto che abbiano, scegliendo consapevolmente (ehi, quasi sempre!) quando farmi travolgere e quando invece è bene per me prendere le distanze da sentimenti ed emozioni magari troppo forti o violenti.

In questi vent(icinqu)’anni dopo l’abbandono di Trilly ho seguito corsi di meditazioni dinamiche, percorsi psicologici, ho fatto bioenergetica, ora il master in counselling. L’ultima esperienza che mi ha aiutata in questo senso è stata la meditazione Vipassana, ma è solo l’ultima in termini di tempo.

Sviluppare l’intelligenza emotiva

Il master in counselling mi ha dato le competenze per trasferire quello che ho imparato ad altri, e quindi in questi ultimi mesi ho preparato un corso per sviluppare l’intelligenza emotiva.

In sintesi si tratta di imparare a riconoscere le proprie emozioni e acquisire gli strumenti per decidere cosa farne e dove incanalarle, per riuscire a vivere sempre più come decidiamo noi, senza farci trascinare da sensazioni che ci rendono ciechi.

Questo primo corso comprende sei incontri, di cui il primo gratuito e di presentazione, in cui partendo dall’emozione dal punto di vista del taoismo utilizzeremo brevi visualizzazioni guidate per ascoltarla nel corpo e infine con gli strumenti dell’Analisi Transazionale le renderemo comprensibili alla nostra mente.

L’ho creato perché so cosa vuol dire essere travolti dalle emozioni, e so anche quanto ci si senta invece padroni della propria vita quando si è in grado di ascoltarle e poter decidere cosa farne.

Il primo incontro gratuito ed aperto a tutti è l’11 aprile alle 19, al mio studio a Navacchio.

Dettagli, prenotazioni


Informazioni su Monja Da Riva

Sono Monja, un'operatrice shiatsu un po' particolare, uso lo shiatsu e tutto quello che ho imparato con più di vent'anni di danza e lavoro personale sulla consapevolezza corporea per ascoltare ed aiutare le altre persone ad ascoltarsi e a prendere coscienza profondamente del loro corpo. Lo faccio di persona, dal vivo, a Cascina (Pisa) e online.